Fondazione Napoli Novantanove
 

Convegni

Premiazione del Concorso "L'Archivio Nazionale dei monumenti adottati dalle scuole italiane"

Teatrino di Corte del Palazzo Reale di Napoli

9 novembre 2018

 

 

 

…un viaggio dal nord al sud dell’Italia attraverso i lavori delle 1.100 scuole di 450 Comuni di tutte le 20 Regioni italiane

 

Un viaggio straordinario alla scoperta dei tesori del nostro paese, spesso ancora sconosciuti. E così chiese, palazzi, castelli, piazze, fontane, monumenti ai caduti, biblioteche, musei, parchi, fiumi, canali, strade, ponti, sentieri, grotte, alberi, spiagge, baie, torri, siti archeologici, edicole votive, ….. sono diventati oggetto di conoscenza e amore. I ragazzi, uscendo dalle mura scolastiche, hanno incontrato il loro mondo e hanno deciso di prendersene cura adottandolo.         

Anche se il Bando Aperto 2017-2018 / 3° Edizione,  non prevedeva premi -  in quanto l’obiettivo era ed è  quello di dare a tutti, sempre, la possibilità di entrare nell’ATLANTE – abbiamo voluto comunque prevedere un riconoscimento “premiale” dei lavori che ci sono parsi più rispondenti agli obiettivi. E’ nato così un nuovo MEDAGLIERE 2018, molto ricco se non di premi, di riconoscimenti per il lavoro svolto, con 12 medaglie stellate, 29 oro e 25 argento.

E’ stata  necessaria una valutazione complessiva delle tre tornate del Concorso Le scuole adottano i monumenti della nostra Italia per comprendere le ragioni dell’imprevedibile successo dell’iniziativa, unica in Italia e confermato dalla folta partecipazione di 1100 scuole di 450 Comuni e di circa 1.500 docenti referenti che si sono sentiti parte non solo di un progetto, ma di una community.

Un vero e proprio viaggio attraverso gli straordinari e spesso sconosciuti tesori del nostro Paese. Allargando lo sguardo sulla storia artistica, culturale, storica, civile del luogo in cui vivono, gli studenti coinvolti hanno potuto costruire un rapporto diretto, motivato e anche affettivo, con il monumento prescelto e lo hanno “raccontato” descrivendone le caratteristiche e rievocandone la storia, denunciandone, ove sia il caso, il degrado.