Fondazione Napoli Novantanove
 

Progetti Speciali

Il Progetto Pilota Europeo La scuola adotta un monumento

1994 - 1997

 

 

Vai al Progetto »

A distanza di poco più di un anno dall’avvio nella nostra città, La scuola adotta un monumento è diventato Progetto Pilota Europeo. L’iniziativa nacque dall’impegno congiunto della Fondazione Napoli Novantanove, della Fondation Pégase e della Task Force Ressources Humanes, Education, Formation, Jeunesse della Commissione Europea, che riconobbe nell’idea nata a Napoli, e dunque nell’impegno dei giovani alla riscoperta dei luoghi e dei simboli della memoria comune, un programma teso a favorire lo sviluppo dell’identità comunitaria e l’integrazione europea, ed in quanto tale meritevole di essere “esportato” e diffuso nei diversi Paesi Membri. Il progetto ha mosso i suoi primi passi ufficiali nel marzo del 1994, data in cui si è svolta, a Napoli, la prima riunione operativa dei rappresentanti dei paesi che avevano aderito, nel corso della quale, a partire dall’esperienza condotta nella nostra città, furono definite le modalità e i tempi di diffusione del progetto su scala europea. Dodici i paesi: Italia, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Gran Bretagna, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Portogallo e Spagna (nel 1995, si sono aggiunte la Finlandia, la Svezia e l’Austria). Nacque, così, la Rete Interattiva Europea La scuola adotta un monumento, formata da Napoli (project leader e città capofila), Amsterdam, Atene, Bruxelles, Canterbury, Copenhagen, Digione, Dresda, Dublino, Lussemburgo, Santarém, Toledo (a cui si sono aggiunte, nel 1995, Vienna, Stoccolma e Rauma). Più di quattrocento le scuole coinvolte, per un totale di oltre centocinquantamila studenti, suddivise in parti equivalenti tra materne, elementari, medie inferiori e medie superiori. Il progetto, di durata triennale, è stato lanciato ufficialmente il 3 ottobre 1994 in una cerimonia pubblica al Municipio di Bruxelles, alla presenza dei rappresentanti del Parlamento Europeo, e si è conclusa nel maggio 1997, a Santarém, con una mostra, corredata di catalogo, dei più significativi lavori prodotti dalle scuole.